L’alfabetismo a Casalmaggiore dall’Unità d’Italia alla Prima guerra mondiale

Valentina Ferrari (Università di Modena e Reggio Emilia), Luciano Nicolini (Università di Modena e Reggio Emilia)

Abstract

L’alfabetismo a Casalmaggiore dall’Unità d’Italia alla Prima guerra mondiale

Lo sviluppo dell’alfabetismo a Casalmaggiore, comune di pianura in provincia di Cremona, è stato studiato sulla base delle firme apposte in calce agli atti di matrimonio contenuti nei registri dello stato civile e dei risultati dei censimenti generali della popolazione. Si è potuto constatare che gli andamenti ottenuti utilizzando le due fonti sono tra loro coerenti. Constatazione notevole, vista l’incertezza delle dichiarazioni fornite ai censimenti e l’impossibilità di sapere se chi firmava il proprio atto di matrimonio fosse anche in grado di scrivere altro. Analizzando i modelli di sviluppo teorizzati da Xenio Toscani, emerge che nella pianura veneta (alla quale la zona di Casalmaggiore può essere equiparata) l’alfabetizzazione ebbe un incremento molto veloce, soprattutto per le donne, che nel comune studiato superarono gli uomini per abilità alfabetiche già nell’ultimo decennio dell’Ottocento. Ciò si verificò soprattutto grazie al progresso che interessò la popolazione occupata in ambito agricolo. L’aumento del numero delle scuole e l’applicazione di norme che sanzionavano l’abbandono scolastico permisero questo mutamento.

Literacy in Casalmaggiore from the Unification of Italy to the First World War

The development of literacy in Casalmaggiore, a valley town in the province of Cremona, has been studied with reference to signatures at the foot of marriage certificates included in the public records and general population census returns. The trends evidenced using these two sources were found to be consistent. This is a remarkable finding, given the errors in statements made in censuses and the impossibility of knowing whether people who signed their marriage certificate were able to write anything else. Analysis of the patterns of development theorised by Xenio Toscani evidences that literacy increased very rapidly in the Veneto plain (with which the Casalmaggiore area may be equated), and particularly so in women, who by the final decade of the nineteenth century had already surpassed men in literacy skills in the area researched. This occurred primarily due to the progress made by the farming population. The increase of the number of schools and the implementation of regulations sanctioning early school leaving made this transformation possible.

Parole chiave
Alfabetismo; Italia Settentrionale; XIX secolo; Endogamia; Isonimia.

Keywords

Literacy; Northern Italy; 19th Century; Endogamy; Isonymy.