La parentela spirituale nelle Alpi occidentali: due casi di studio tra Piemonte, Savoia e Delfinato (secoli XVI-XVII)

Davide De Franco (Università del Piemonte Orientale 'Amedeo Avogadro')

Abstract

La parentela spirituale tra Piemonte, Savoia e Delfinato nella prima età moderna

Il contributo presenta i risultati di una ricerca dedicata ad alcune parrocchie dislocate nel Delfinato ed in valle di Susa tra Cinque e Seicento, sottolineando gli effetti del concilio di Trento sulla parentela spirituale in relazione ai peculiari ordinamenti istituzionali e sociali delle comunità alpine. Questi territori di montagna erano d’altronde attraversati da flussi commerciali che incidevano notevolmente sulle economie dei villaggi. Si è dunque ipotizzato che anche il padrinato di battesimo potesse svolgere un ruolo nelle relazioni economiche che legavano mercanti, osti e mulattieri, in un intreccio di rapporti illeciti ostacolati dalle autorità locali, che cercarono di fermare, in particolare a Susa, il contrabbando di vino, capace di eludere i privilegi della comunità.

Spiritual Kinship between Piedmont, Savoy and Dauphiné in the Early Modern Age

This article presents the results of a research dedicated to some parishes located in Dauphiné and in the Susa valley between the sixteenth and seventeenth centuries. It underlines the effects which the reforms introduced by the Council of Trent had on spiritual kinship, also considering the peculiar social and institutional systems of the alpine communities. These mountain territories were indeed crossed by trade flows which involved the economies of the villages. The article suggests that spiritual kinship could play a role in the economics relationships that connected merchants, innkeepers and muleteers, in a plot of illicit relations opposed by the locals authorities, who tried to stop the smuggling of wine in the city of Susa, which eluded ancient privileges of the community.

Keywords

Padrinato; Piemonte, Savoia e Delfinato; commercio; comunità alpine.