I censimenti della popolazione nel Territorio di Trieste nella seconda metà del Settecento con particolare riguardo alla Coscrizione del 1777-78

Aleksej Kalc (Università del Litorale, Capodistria)

Abstract

I censimenti della popolazione nel Territorio di Trieste nella seconda metà del Settecento con particolare riguardo alla Coscrizione del 1777-78

La coscrizione del 1777-78 è l’unico censimento nominativo settecentesco completo ad oggi disponibile del Territorio di Trieste, vale a dire della parte rurale dell’area comunale triestina, che all’epoca comprendeva 24 insediamenti. La coscrizione si inquadrava nel sistema di rilevamento statistico-demografico che lo stato assoluto austriaco mise a punto a partire dal 1754 per conseguire una visione universale ed univoca della propria popolazione. L’articolo percorre brevemente le tappe evolutive di tale sistema, che dal 1770, con l’introduzione della leva, si conformava alle esigenze conoscitive militari, per soffermarsi poi più dettagliatamente sulle caratteristiche tecnico-metodologiche, sulla difficile messa in pratica e sui difetti di funzionamento che le coscrizioni conobbero a Trieste. Problemi questi, dovuti da un lato alla complessità del metodo, dall’altro al fatto che la città di Trieste, in quanto porto franco, era esonerata dal servizio di leva e la sua popolazione veniva censita secondo criteri differenti. La coesistenza nell’area comunale di due tipi di censimento ed i frequenti trasferimenti della popolazione dal Territorio alla città contribuivano alla precaria tenuta dei registri nominativi della popolazione nei periodi intercensuari. Di conseguenza, sia il controllo della popolazione del Territorio a scopi militari, sia i rilievi numerici di stato annuali erano alquanto approssimativi.

The Population Censuses in the Trieste Territorio in the Second Half of the 18th Century with Particular Emphasis on the Conscription of the 1777-78

The conscription of 1777-78 is the only still available complete nominative enumeration of Trieste Territorio’s population in the 18th century. The Territorio was the extra-urban part of the Trieste administrative area and included 24 rural settlements. The conscription fit into the demographic-statistical monitoring system developed by the Austrian absolutistic authorities since 1754 in order to achieve an unitary view over the population on a state scale level. The article briefly presents the evolution stages of that system, which in 1770, after the introduction of the general military service, conformed to the military information interests, becoming a real conscription system. Afterwards, the author thoroughly examines the technical and methodological characteristics of the conscriptions, as well as the practical difficulties and the operation defects they had to face in Trieste. On the one hand these problems stemmed from the methodological complexity, on the other hand from the fact that the city of Trieste, as a privileged free port area, was excluded from the recruitment, and its population was recorded in the censuses according to different criteria. Owing to the co-existence of two types of enumaration systems in the same administrative area and of the frequent emigration of the inhabitants from the Territorio to the city the maintenance of the nominative population registers in the years between two censuses was extremely precarious. As a consequence, both the monitoring of the Territorio population for military uses and the annual population calculations resulted rather approximative.

Keywords

Censimenti; Trieste; Impero austro-ungarico; diciottesimo secolo