Gli Uffici di leva dall’Unità d’Italia. Le istituzioni e la documentazione all’Archivio di Stato di Firenze

Claudio Lamioni

Abstract

Gli Uffici di leva dall’Unità d’Italia. Le istituzioni e la documentazione all’Archivio di Stato di Firenze

Lo scopo dell’articolo è quello di illustrare la documentazione prodotta dalle istituzioni preposte alle operazioni del reclutamento militare. Dopo aver esposto lo sviluppo legislativo che disciplina la materia dal 1854 ad oggi, viene spiegata la procedura attraverso la quale si compie l’identificazione e la selezione dei giovani che dovranno compiere il servizio militare. Tale procedura viene necessariamente colta, nelle sue linee essenziali, in riferimento alla seconda metà del secolo XIX, ma la continua evoluzione normativa e la miriade di norme di dettaglio succedutesi nel tempo hanno imposto poi di chiarire con più diffusione, specialmente nel loro sviluppo diacronico, molti aspetti particolari relativi ai soggetti passivi (i giovani coscritti obbligati alla leva e poi selezionati o meno per il servizio) e agli organi, ossia alle istituzioni ordinariamente e stabilmente preposte alle operazioni della leva (i comuni, gli Uffici di leva, i Consigli di leva e i commissari di leva). Questo quadro specifico è poi stato messo in relazione a quello istituzionale più generale (distribuzione e competenza degli organi amministrativi sul territorio) e a quello relativo all’amministrazione archivistica ed al suo operare nel tempo. I profili di sviluppo e di interferenza reciproca tra le componenti del quadro complessivo spiegano oggi con certezza la struttura e le caratteristiche dei depositi documentari conservati negli Archivi di Stato. Il riferimento alla documentazione conservata all’Archivio di Stato di Firenze può essere quindi considerato dal ricercatore come paradigmatico di realtà documentarie conservate in altre aree geografiche del Paese. La descrizione, infine, della tipologia documentaria delle serie diacroniche che formano l’archivio dell’Ufficio di leva (Liste di leva, Liste di estrazione, Decisioni del Consiglio) a partire dalla prima leva dopo l’unità d’Italia (quella della classe di nascita 1842), consente al ricercatore di valutare la fonte in relazione ai propri obiettivi di indagine.

Recruitment offices from the political unification of Italy. The institutions and the documentation in the State Archive of Florence

This essay aims to analyze the documentation produced by the operation of conscription procedures from 1862 (the first general call-up in the newly united Italy) to now, examining the laws and the specific administration structures given over to this public function. The complex regulations and procedures, which were subject to continuous reforms, are examined in order to explain the parallel evolution of documents and files. Special attention is addressed to the interface between the enlisting institutions and the archives administration (organization and laws): their interaction explains the different deposit of documents in the public archives. The historical study of documentation concerning enlistment in the Florentine State Archive claims to offer a methodological model for researches in other Italian geographic areas, as well as a critical contribution to the evaluation of this kind of source.

Keywords

Leva militare; Regno d'Italia; Archivio di Stato di Firenze