Professione e malattia: considerazioni dai Libri degli Infermi dell’Ospedale di San Giovanni di Dio di Firenze (1626-1650)

Esther Diana (Centro di documentazione per la storia dell'assistenza e della sanità fiorentina)

Abstract

Professione e malattia: considerazioni dai Libri degli Infermi dell’Ospedale di San Giovanni di Dio di Firenze (1626-1650)

Questo saggio intende verificare l’esistenza di un rapporto tra patologia e classe sociale e/o attività esercitata. Il contesto storico è quello fiorentino del sec. XVII; in particolare i dati presi in esame si riferiscono alle patologie dichiarate dalla categoria dei ‘salariati’ (ovvero dei subalterni delle Arti della Lana, della Seta, dei Linaioli e dei Cuoiai) e dalla categoria dei ‘mestieranti ed artigiani’ (ovvero di tutti coloro che si riconoscevano in un mestiere che esercitavano in proprio o quali dipendenti di enti pubblici) della Firenze tra gli anni 1626-1650 così come sono stati riportati nei Libri degli Infermi dell’Ospedale di San Giovanni di Dio. Sebbene dall’analisi dei dati non emerga un esplicito rapporto tra mestiere e/o classe sociale e patologia, traspare evidente, comunque, l’esistenza di presuntive incidenze nosologiche in alcune attività rispetto ad altre. Questa differente predisposizione era probabilmente legata a diverse opportunità di contrarre la malattia attinenti, ad esempio, ai cicli di lavorazione della lana, della seta o del cuoio o alla pro- duzione e manipolazione di particolari alimenti.

Trades and illnesses: considerations from the patient Books of San Giovanni di Dio Florentine hospital (1626-1650)

This study aimed to investigate relationships between trades and illnesses in the seventeenth century Florence. Data from wage-earners (subordinates of wool and silk Arts, as well as flax and leather workers) and from craftsmen (public employees or self-governing workers), as reported in the patient Books of San Giovanni di Dio Florentine hospital during years 1626-1650, were analysed.
Though information arising from these data failed to assess defined relationships between illnesses and trades or social classes, it evidenced, however, the recurrence of particular diseases in specific activities. Differences in risk-exposure during manufacturing of wool, silk, or leather, or during producing and handling of particular food might be hypothesized as explanation.

Keywords

Malattia; libri degli infermi; Firenze; Italia; diciassettesimo secolo

Views: 1908

Download PDF

Downloads: 1899