Non solo emigrazioni: strategie di risposta alla crisi di fine ’800 nel Veneto

Alessandro Rosina (Università Cattolica di Milano), Maria Rita Testa , Adelaide Pretato

Abstract

Non solo emigrazioni: strategie di risposta alla crisi di fine ’800 nel Veneto

Almeno sino agli anni ‘80 dell’Ottocento il Veneto presentava ancora aspetti tipici di ancien régime. Il fenomeno delle emigrazioni di massa scoppiò quasi all’improvviso a sconvolgere una società definita dagli storici economicamente arretrata, ostile ai cambiamenti, legata a consuetudini ataviche, avvolta in un sistema stratificato di autodifese psicologiche dai rischi che potevano derivare dall’esterno.
L’emigrazione fu la risposta più eclatante, ma non l’unica, adottata per rispondere allo squilibrio tra popolazione e risorse, accentuato dalla crisi agraria di fine Ottocento. Il lavoro proposto evidenzia come in alcuni distretti del Veneto l’emigrazione fu infatti del tutto trascurabile e la risposta alla crisi si attuò attraverso il ricorso a forme flessibili di integrazione del reddito. Inoltre l’emigrazione fornì solo una risposta provvisoria ad una crisi che aveva cause strutturali e nuove, rispetto alle crisi di ancien régime, e richiedeva quindi nuove soluzioni, quali l’avvio di un coerente processo di modernizzazione e l’inizio della transizione riproduttiva. In particolare ci si chiede se possa essere individuata una relazione tra crisi di fine Ottocento, emigrazioni di massa ed inizio del declino della fecondità.

Not only out-migration: response strategies to the turn of the XIXth century crisis in the Venetian region

Until the 1890s, the Veneto region had the typical characteristics of all traditional economies of the ancien régime. The mass emigration, almost suddenly, broke out in an economically backward society. Indeed, the Venetian society was reluctant to all innovations, characterised by ancestral customs, provided with a stratified self-defence system against any external risks. To face the imbalance between population and resources, accentuated by the agricultural crisis of the late XIXth century, the emigration was the most striking solution, even though not the only one.
This article shows how in some districts of the Veneto region the emigration was absolutely marginal and how the agrarian crisis was faced by means of flexible systems of income integration. Furthermore, where adopted, the emigration provided only a temporary answer to the crisis. The crisis, brought about by new structural factors, claimed new and more radical solutions, such as: the outset of a coherent modernisation process and the start of the reproduction transition. In particular, we wonder whether the crisis of the late XIXth century, the mass emigration and the start of the fertility decline may be existed.

Keywords

Emigrazione; crisi demografiche; Veneto; Italia; diciannovesimo secolo