La popolazione dei comuni minerari dell’Amiata

Graziella Caselli (Università di Roma 'La Sapienza'), Celso Rosati , Maura Simone

Abstract

La popolazione dei comuni minerari dell’Amiata

La storia delle popolazioni dei paesi situati nel versante est del Monte Amiata è legata strettamente alle miniere di cinabro la cui attività, da far risalire almeno al periodo degli Etruschi, trova, nella seconda metà dell’Ottocento, il suo impulso industriale con le prime società mercurifere. L’avventura dell’Amiata mineraria ha inizio nel 1846 con la costituzione della prima società e si conclude nel 1976 con la chiusura delle miniere e l’avvio di una nuova fase storica legata a un difficile processo di riconversione mineraria.
Questo lavoro analizza l’impatto che l’evoluzione storica dell’attività delle miniere ha avuto sulle caratteristiche socio-demografiche delle popolazioni dei quattro comuni amiatini: Abbadia San Salvatore, Castell’Azzara, Piancastagnaio e Santa Fiora. In particolare, la prima parte è dedicata alla storia delle miniere e dei minatori dell’Amiata, mentre la seconda analizza le caratteristiche evolutive delle popolazioni dalla fine dell’Ottocento fino ai nostri giorni, con riferimento alle trasformazioni demografiche indotte dai cambiamenti economici e sociali. L’ultima parte analizza la dinamica della mortalità degli uomini e delle donne a partire dalla fine degli anni Sessanta, considerando la causa che ha portato al decesso.

Population of the Mt. Amiata mining area

The history of the population living in the various villages found along the eastern slope of Mt. Amiata is closely bound up with the local cinnabar mine. Evidence attests to activity as far back as Etruscan times, and the mine became particularly important towards the second half of the XIX century, in the full throes of the industrial revolution. The first Amiata mining company was founded in 1846 and was active until it was closed down in 1976, ushering in a new phase when the difficult process of reconversion was begun.
In this paper we analyse the impact of historical trends in mining activities on the socio-demographic status of the population in four municipalities located on Mt. Amiata. These are Abbadia San Salvatore, Castell’Azzara, Piancastagnaio and Santa Fiora. The first section provides a history of the mines and miners in the Amiata area and the second looks at how the population evolved from the end of the XIX century up until the present day in terms of demographic developments and how these were shaped by social and economic changes. The last section analyses male and female mortality since the late 1970’s, taking into account the cause of death.

Keywords

Miniere; demografia dei minatori; Italia; Amiata